Loop



Un passo avanti. Un sospiro.
E due indietro.

Un sospiro. Un lungo
silenzio. E mi distendo.

Mi alzo. Mi guardo alle
spalle, magari un segno o una parola. Il silenzio.

Un passo avanti. Un sospiro.
E due indietro.

Se guardo avanti osservo
dei passi. Alcuni vicini, alcuni distanti. Forse ho corso per un momento, forse
sono stato nel futuro per un momento, ma perché mi ritrovo fermo a osservare
quei passi interrotti e guardare i passi alle mie spalle?

Conosco quel percorso. Intravedo
ogni singolo passo. E ricordo ogni singolo attimo di pausa. Ma perché ritorno
indietro su i miei passi? Perché?

È una distesa bianca e
silenziosa questa. Quei passi indietro non svaniscono per mancanza di calore e
mi tentano a ripercuoterli cm dopo cm, fiato dopo fiato, cercando delle
risposte che non ho mai avuto e che forse non avrò mai.

Davanti non c’è nulla o
nessuno, tanto vale fermarsi o tornare indietro no? Ma potrebbe essere che
anche qui o indietro non ci sua nulla o nessuno ad aspettarti.

Per cui.

Un passo avanti. Un sospiro.
E due indietro.

Con calma, non datemi
fretta, troverò la via.

Un passo avanti. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: